infuencer marketing

L’influencer marketing e i diritti sulla privacy dei content creator

Nell’ultimo decennio abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione copernicana. Internet ha ha oltrepassato le colonne d’ercole abilitando tutti noi alla produzione e alla condivisione immediata di testi, foto, video e le nuove piattaforme digitali sono diventate il luogo principale dell’interazione sociale ed economica.

In questa rivoluzione si inserisce il fenomeno degli influencer, una categoria eterogenea che attraverso la propria immagine e la propria capacità relazionale riesce a catalizzare l’attenzione del pubblico ”indirizzando" le preferenze di un numero considerevole di utenti che, da semplici followers, diventano potenziali consumatori.
Ma esattamente chi sono e cosa fanno gli influencer?

Fino a qualche anno fa li avremmo definiti semplici testimonial ma oggi sono i nuovi attori della comunicazione commerciale online e il loro ruolo è nettamente più complesso: non si limitano più ad utilizzare la propria immagine per sponsorizzare un determinato brand ma creano veri e propri contenuti digitali dietro ai quali risiedono tempo, impegno e lavoro che rendono l’attività svolta un’attività da tutelare giuridicamente.

Lo scopo di questo articolo è proprio quello di spiegare, seppur brevemente, quelli che sono gli strumenti giuridici a tutela dell’influencer. In primo luogo va detto che l’attività dovrebbe, sempre, fondarsi su un rapporto di natura contrattuale (il c.d. contratto di sponsorizzazione) idoneo a regolarne sia i diritti di utilizzo e sfruttamento economico dell’immagine sia il diritto d’autore e di proprietà intellettuale sui contenuti digitali prodotti e ciò soprattutto al fine di individuarne la titolarità. Ma di cosa parliamo quando parliamo di diritti, questi sconosciuti?

Il diritto all’immagine, è un diritto della personalità tutelato dal codice civile (art.10), dalla L. 633/1941 sul diritto d’autore e dalla legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003). Senza addentrarci nella normativa di riferimento, basterà qui dire che l’immagine di un soggetto può essere esposta o pubblicata soltanto con il consenso di quest’ultimo eccetto i casi in cui la pubblicazione sia esplicitamente consentita dalla legge. Questo aspetto riveste particolare importanza nell'attività dell'influencer: pensiamo al caso in cui la parte committente (brand) voglia effettuare un re-post dell’immagine precedentemente pubblicata dall’influncer sul proprio profilo, ebbene, se il contratto non prevede questa possibilità, il brand è obbligato a richiedere il consenso dell'influencer prima di procedere alla pubblicazione. Inoltre, vale qui la pena di sottolineare, che il diritto all’immagine è un diritto personalissimo e inalienabile, pertanto, attraverso il consenso ciò che viene ceduta a terzi è la possibilità di utilizzo dell’immagine e non il diritto stesso.

Il diritto d’autore, invece, è l'istituto giuridico -disciplinato dalla Legge n. 633/1941 e dal codice civile- che ha lo scopo di tutelare tutto ciò che è frutto dell'attività intellettuale (letteratura, musica, arte, fotografia etc) attraverso il riconoscimento all'autore dell'opera di una serie di diritti di carattere sia morale, sia patrimoniale. I primi -salvo casi particolari- sono diritti irrinunciabili e inalienabili e tutelano la persona dell'autore mentre i secondi, i cd. diritti di utilizzazione economica, possono essere ceduti a terzi, gratuitamente o dietro compenso.

Nel diritto d’autore rientrano tutte le opere dell’ingegno, comprese le fotografie e i video digitali, per tanto l’Influencer è considerato -a tutti gli effetti- titolare di tale diritto dal momento stesso della creazione, senza necessità di alcuno adempimento e ciò significa che, in assenza di un apposito accordo che disponga diversamente, potrà sempre vantare diritti di esclusiva sul contenuto da lui creato.

Anche la giurisprudenza di merito si è espressa a riguardo affermando, in due recenti sentenze (Rif. nota), che il contenuto digitale è tutelato dal diritto d’autore con la conseguenza che non può essere liberamente utilizzato, condiviso, modificato o distribuito senza una preventiva autorizzazione da parte dell’autore o senza che vi sia una esplicita attribuzione di paternità.

Last but not least, meritano un breve cenno i diritti di privativa. Come è noto, i brand si rivolgono ad un determinato influencer in virtù della popolarità di cui questo gode all’interno del target desiderato, popolarità che avviene e si identifica attraverso il nome o pseudonimo utilizzato dall’influencer. Tale nome, scelto e costruito con cura, possiede un valore commerciale e costituisce un capitale per l’influencer perché può essere oggetto di operazioni di sfruttamento economico tramite la concessione di licenze, di contratti d'esclusiva, di merchandising e sponsorizzazione.

Per tale ragione, al pari di un marchio, il nome può (o dovrebbe) essere tutelato attraverso il cosiddetto diritto di privativa ovvero la registrazione del nome che conferisce al titolare una serie di diritti esclusivi di utilizzo compresa la possibilità di avviare azioni legali contro chiunque tenti di appropriarsene ingiustamente generando confusione nel pubblico.

Appare, dunque, quanto mai chiara la necessità di delineare e tutelare concretamente i diritti che entrano in gioco quotidianamente nell’attività lavorativa dell’influencer, anche perché, un uso consapevole dei social media non può e non deve prescindere dal rispetto degli altrui diritti.




Nota1:

Trib. Milano Sezione specializzata in materia d'impresa, 30 maggio 2016 n. 6766; Trib. Roma Sezione specializzata in materia d'impresa., 1° giugno 2015 n. 12076