Instagram marketing

Come impostare una biografia perfetta su Instagram

Spesso sottovalutata, a volte poco curata, la biografia è invece parte integrante e fondamentale del vostro account Instagram, sia esso un profilo personale oppure business.

Lavoriamo molto, impegnando tempo e risorse per fare sì che il maggior numero di utenti possibile raggiunga la pagina del nostro profilo, è quindi importante mostrare loro nella maniera più chiara, immediata e interessante possibile ciò che abbiamo da offrire.

I campi in assoluto più strategici sono quelli denominati ‘nome’ e ‘nome utente’ i testi inseriti in questi spazi sono infatti gli unici ricercabili in Instagram attraverso la pagina ‘esplora’.

È facile comprendere che vanno sfruttati a dovere e in modo intelligente.

Il campo ‘Nome Utente’ (freccia fucsia) altro non è che il nickname che abbiamo scelto al momento dell’iscrizione, può essere il nostro nome e cognome, il nome della nostra azienda o, più semplicemente, un Nick che ci piace ma che non rimanda direttamente a noi.

Indipendentemente da ciò che abbiamo scelto non è consigliabile modificare questo campo per non disorientare i follower ma il nostro nickname andrà invece a influenzare pesantemente il secondo campo, quello denominato ‘Nome’. (freccia verde)

FOTO1.png

Il campo ‘Nome’ ci mette a disposizione 30 caratteri che dovremo provare di sfruttare a nostro massimo vantaggio. Se il nostro Nickname è già il nostro nome o quello della nostra azienda è inutile replicare la dicitura, cerchiamo invece di indicare qualcosa per la quale immaginiamo poter essere ricercati.

Nel mio caso, sopra riportato a esempio, il nickname è Iena70 e nel campo nome ho inserito il mio nome e cognome e il nome della azienda per la quale lavoro. In questa maniera se qualcuno non mi conosce su Instagram ma invece sa il mio nome riesce comunque ad individuare il mio profilo. Se addirittura fa una ricerca come Garage Raw potrà trovarmi ugualmente assieme a tutti gli altri miei soci e al profilo aziendale.

FOTO2.png

Per fare un ulteriore esempio se avete come Nickname (Nome Utente) il nome della vostra attività potreste usare il campo Nome per descrivere cosa viene fatto in azienda (es. Pizzeria Bologna, Ristorante Vegano Milano, Agenzia di Comunicazione Bologna, eccetera) in questa maniera diventerete immediatamente ricercabili anche per quelle Keyword.

Anche l’immagine di profilo è importante, le dimensioni ottimali sono 612 x 612 pixel a 72 dpi. e dovrete cercare di usare un’immagine quanto più riconoscibile e identificativa vi sia possibile. Fateci caso, quando scorrete per guardare chi ha interagito con i vostri contenuti, chi ha lasciato like o commenti, se l’immagine è chiara e riconoscibile (in buona sostanza si nota) voi potete capire, tra i tanti, chi è stato senza dover necessariamente leggerne il nome.

Avete 150 caratteri per scrivere la vostra biografia che è la presentazione di voi stessi e del vostro profilo su Instagram. Usatela bene, indicate la vostra città, il vostro paese, quello che fate, potete essere originali inserendo emoticon oppure call-to-action che invitino i vostri follower a compiere qualche azione (es. iscriversi alla vs. newsletter o scaricare la vostra app.). Se avete non avete un profilo business diventerà indispensabile indicare anche una mail di contatto.

FOTO3.png


Tenete anche presente che se inserirete mention e/o hashtag queste saranno cliccabili.

Indicate chiaramente il vostro sito internet, o blog, o Landing page, o e-commerce, eccetera nel campo Sito Web se avete meno di 10.000 follower e quindi non avete la possibilità di inserire link all’interno delle stories questo è l’unico link attivo all’interno dell’applicazione. Valutate anche la possibilità di inserire uno short link attraverso i tanti software web che offrono questo servizio per monitorare quanti accessi riuscirete ad avere da Instagram.

Le informazioni private non sono visibili, all’interno troverete la mail con la quale vi siete iscritti alla piattaforma e un campo nel quale inserire il vostro numero di telefono. VI consiglio di farlo perché in caso di problemi Instagram comunica con voi tramite SMS. Da tenere presente che a profili diversi devono essere associati numeri diversi.

Ora siete pronti ad avere una biografia perfetta, aspettiamo i vostri screenshot per verificarle insieme.

















NEWS: Instagram fa un'analisi semantica sulle nostre foto

La notizia è di quelle importanti, non sappiamo se si tratta ancora di una sperimentazione o di una feature già consolidata ma, di fatto, dal 22 febbraio 2019 Instagram non categorizza più le immagini solo attraverso gli hashtag, ma fa anche un’analisi semantica della stessa.

analisi-semantica

Analizzando il codice della pagina abbiamo scoperto una riga che riportiamo nell’immagine sottostante evidenziata da una freccia rossa.

Come potete notare al link dell’immagine è agganciata una descrizione che rispecchia perfettamente il contenuto della stessa. Abbiamo fatto una prova togliendo tutti i tag ma la descrizione non cambia, questo fa pensare che la stessa non dipenda appunto dagli hashtag ma venga letta direttamente dalla piattaforma e indicizzata.

analisi-semantica-immagini-instagram

Se fosse confermato è facile pensare ci si trovi davanti ad un’altra rivoluzione epocale che ci porterebbe ad essere sempre più “clusterizzati” da Instagram che, in questa maniera, capirebbe senza possibilità di errore quello che postiamo, quello con cui interagiamo, quello che ci piace, con le finalità più diverse ma forse principalmente orientate a mostrarci un advertising sempre più mirato.


Cosa ne pensate?





Perché Instagram può essere il tuo nuovo sito web

Non si può fare a meno oggi di parlare di Instagram Stories, feature molto utilizzata dagli utenti, il vero e proprio “must” della quotidianità di moltissimi utenti.

Instagram-sito-web

E le stories (come Instagram) non sono più affare per soli ragazzini: sono divenute un grande strumento di business per aziende e personaggi pubblici che possono sfruttare la possibilità di comunicare online con il proprio pubblico in maniera più diretta, reale, immediata.

Ogni giorno milioni di utenti condividono su Instagram le proprie “stories quotidiane”: il semplice (ma dipende dai punti di vista!) racconto della propria vita, i nostri pensieri personali, ma anche e soprattutto il backstage di una azienda, di un business o di una attività commerciale.

Oggi Instagram è considerato una vetrina così importante per un’azienda tale da paragonarlo ad un sito web: non è più così ampia, infatti, la differenza tra visitare un sito web di una azienda o visitarne il profilo Instagram.

Alcuni dati testimoniano come oggi gran parte degli utenti online cerchi un’informazione in merito ad un brand attraverso Instagram anziché con Google.

Certo, il sito web rimane sempre la vetrina “istituzionale” dove mostrare i propri servizi. Ma osservando meglio i numeri si potrà cogliere come, in molti casi, un profilo Instagram gode di maggiori visite rispetto ad un sito.

Le stories in evidenza possono rispecchiare l’alberatura del sito web dell’azienda.

Le stories in evidenza possono rispecchiare l’alberatura del sito web dell’azienda.

Il motivo? La praticità di utilizzo, la possibilità di interagire con esso, la molteplicità di sfaccettature che è possibile cogliere.

Come rendere il profilo Instagram della mia azienda il più efficace possibile?

Per rendere fruibile, chiaro e immediato il profilo Instagram di un’azienda, si possono sfruttare molte e differenti strategie. Ne riepilogo alcune, a mio parere tra le essenziali:

shopping-instagram
  • Avere una bio chiara, identificativa e caratterizzante. In quelle poche righe è necessario far capire all’utente di cosa ci occupiamo e quale sia il nostro “claim” o tono di voce.

  • Link in bio e pulsanti di call to action. È possibile inserire dei pulsanti cliccabili che rimandino a “invia e-mail”, “indicazioni stradali”, “chiama”, “prenota” e molto altro. Azioni fondamentali per far capire agli utenti dove siamo e come possono mettersi in contatto con noi.

  • Shop. I profili business che vendono prodotti possono collegare le loro pubblicazioni si Instagram con dei tag di rimando al proprio e-commerce. Niente di più immediato!

  • Stories in evidenza. Come accennato, le stories stanno diventando il cavallo di battaglia di Instagram, ed è ora possibile catalogarle ad album secondo i criteri che preferiamo. Come? Lo vedremo nel prossimo numero.

  • Progetto visivo: gli utenti scorrendo le vostre pubblicazioni avranno in pochi secondi una chiara idea del vostro business: colori omogenei, scelta stilistica, progetto fotografico. Sono tutti elementi essenziali per massimizzare l’attenzione del pubblico e trasformare la visibilità in contatto, e vendita.


Come curi l’immagine del tuo brand attraverso Instagram?

5 motivi per essere su Instagram

In questo articolo ho voluto rispondere ad alcune domande che spesso mi vengono poste in merito ad Instagram: come far crescere il mio profilo? Come faccio ad aumentare i miei followers? Come posso utilizzarlo al meglio per la mia azienda?
Abbiamo voluto riassumere i 5 punti fondamentali per iniziare a sviluppare un profilo Instagram di successo.

Il Pubblico

Instagram è diventato il miglior social network per facilità di utilizzo e praticità, ecco i motivi principali per cui oggi il suo pubblico di utenti è sempre più ampio (è secondo solo al fratello maggiore Facebook). In sintesi, lo hanno tutti.
E non è vero che Instagram è un social per ragazzini. Certamente lo era ai suoi inizi, ma oggi ha un pubblico variegato e mediamente adulto: ecco il primo motivo per cui un’azienda dovrebbe essere presente anche in questo canale di comunicazione.

App user-friendly

Come accennato, Instagram si sta evolvendo giorno dopo giorno soprattutto dal punto di vista esperienziale: l’app è probabilmente la più semplice da utilizzare rispetto ad altre piattaforme, e permette in pochi click (o meglio “tap” sullo schermo del vostro smartphone!) di avere a disposizione infinite funzionalità. Tag, stories, like, dirette, posting. Insomma, tutto a portata di mano in maniera intuitiva. La Vostra comunicazione sarà quindi fruibile in differenti modalità, sempre diverse e innovative.

Stories

Le stories di Instagram stanno letteralmente dominando la scena: tutti le fanno, tutti le guardano, tutti le vogliono.
Ma come è possibile, per un’azienda, iniziare a fare la differenza e caratterizzarsi anche attraverso le stories? Come è possibile avvicinare e fidelizzare il proprio pubblico con questo nuovo modo di comunicare? Certamente mettersi “davanti” alla telecamera del Vostro smartphone e parlare non è facile. Ma il futuro è (anche) questo.

Identità visiva

La grande differenza rispetto a Facebook è la possibilità di potersi dare una forte identità visiva. Cosa significa? Instagram è composto in massima parte di immagini (e video), che vengono accompagnate da piccole descrizioni. Quando un utente entra in contatto con il nostro profilo, sia esso personale o aziendale, viene colpito principalmente dalla nostra composizione fotografica, cioè dall’insieme di tutte le nostre pubblicazioni messe in fila su tre colonne. In sintesi, un portfolio. Quindi, l’attenzione e la cura della composizione complessiva (per colore, per argomento, per idea visuale) è certamente tra le principali cose da curare al fine di far crescere la nostra fan base.

Progetto

Essendo Instagram basato su uno storytelling visivo, è fondamentale avere un’idea, un progetto visuale, che vogliamo raccontare in modo ordinato.
Le piccole aziende che hanno “successo” su Instagram (a parte le celebrity del mercato, ovviamente) sviluppano con pazienza e progettualità una comunicazione attenta e mirata, al fine di identificarsi il più possibile con l’anima comunicativa dell’azienda. Essere riconoscibili, nei social, è tra le principali motivazioni per sviluppare un seguito fidelizzato ed interessato ai nostri prodotti e servizi.